Colesterolo: di cosa parliamo?

Il colesterolo rappresenta il principale lipide di natura steroidea del nostro organismo, fondamentale per la fluidità delle membrane cellulari e per la sintesi di ormoni steroidei, sali biliari e vitamina D. I livelli totali di colesterolo nel nostro organismo sono dati dalla somma del colesterolo esogeno, di origine alimentare, e di quello endogeno, sintetizzato de novo dal fegato. La velocità della biosintesi del colesterolo è regolata dall’espressione e dall’attività enzimatica della HMG-CoA reduttasi, inibita da farmaci molto utilizzati, quali le statine. (1,2) Le lipoproteine, che contengono lipidi e proteine, sono responsabili principalmente del trasporto di lipidi insolubili in acqua (colesterolo e trigliceridi) attraverso il plasma, dall’intestino e dal fegato, dove sono assorbite e sintetizzate, rispettivamente, ai tessuti periferici (muscoli e tessuto adiposo).(3,4) Tutte le lipoproteine sono sintetizzate e secrete dal fegato e dall’intestino. Il colesterolo e gli altri grassi sono trasportati da cinque diversi sottotipi di lipoproteine con specifiche funzioni (48,49)
Infatti :
  • Chilomicroni: trasportano i trigliceridi esogeni assunti con la dieta dall’intestino ai tessuti periferici e al fegato.
  • VLDL: trasportano i trigliceridi endogeni sintetizzati dall’organismo dal fegato ai tessuti periferici
  • IDL: prodotte dal metabolismo di chilomicroni e VLDL, sono presenti nell’organismo come conseguenza della degradazione delle altre lipoproteine.
  • LDL: prodotte dal metabolismo delle VLDL, trasportano il colesterolo ai tessuti periferici
  • HDL: rappresentano la chiave nel trasporto inverso del colesterolo dai tessuti periferici al fegato
Le LDL sono note comunemente come “colesterolo cattivo” in quanto, se presenti in quantità eccessiva, si depositano sulla parete delle arterie, provocandone l’ispessimento e indurimento (aterosclerosi), processo che ostacola o blocca il nomale flusso sanguigno. Le HDL sono invece note come “colesterolo buono” in quanto hanno la funzione di trasportare il colesterolo dalle periferie verso gli organi che lo utilizzano o lo eliminano, fungendo da “spazzino” . La fonte principale di colesterolo per le cellule non epatiche e non intestinali sono le LDL.
Bibliografia:
  1. Reiss AB, Voloshyna I, De Leon J, Miyawaki N, Mattana J. Cholesterol Metabolism in CKD. Am J Kidney Dis. 2015 Dec;66(6):1071-82.
  2. Beaumont JL, Carlson LA, Cooper GR, Fejfar Z, Fredrickson DS, Strasser T. Classification of hyperlipidaemias and hyperlipoproteinaemias. Bull World Health Organ. 1970;43(6):891-915. Review.
  3. Nock N L and Aiswarya LP Chandran Pillai. Dyslipidemia: Genetics and Role in the Metabolic Syndrome (https://www.intechopen.com/books/dyslipidemia-from-prevention-to-treatment/dyslipidemia-genetics-and-role-in-the-metabolic-syndrome).
  4. Kwan et al. 2007. Lipoprotein metabolism and lipid management in chronic kidney disease. J. Am. Soc. Nephrol. 18: 1246-1261.