Colesterolo: quando fare attenzione

Quando i livelli di colesterolo nel sangue superano i valori limite previsti dalle tabelle internazionali allora si parla di ipercolesterolemia.
Si parla di ipercolesterolemia quando il colesterolo totale (LDL più HDL) è troppo alto. Valori desiderabili sono i seguenti: (1)
  • colesterolo totale: fino a 200 mg/dL
  • colesterolo LDL: fino a 100 mg/dL
  • colesterolo HDL: non inferiore a 50 mg/dl
I livelli di colesterolo sono valutati attraverso un semplice esame del sangue e deve essere tenuto costantemente sotto controllo. L’ipercolesterolemia, caratterizzata da un’eccessiva concentrazione di colesterolo nel sangue, rappresenta un importante fattore di rischio per patologie cardiovascolari. (2)
Le malattie CV restano una delle principali cause di morbilità e mortalità, inoltre la prevalenza di alcuni fattori di rischio come il diabete e l’obesità sono in crescita. (3)

La prevenzione è basata su un insieme di azioni coordinate sulla popolazione generale o su un individuo in particolare, volto ad eradicare, eliminare o minimizzare l’impatto delle malattie CV e la loro disabilità correlata.
L’importanza della prevenzione resta indiscussa ed è applicata a differenti livelli:

a) nella popolazione generale promuovendo uno stile di vita sano
b) a livello individuale, nei casi di rischio CV da moderato a grave o in pazienti con CV diagnosticate, correggendo stili di vita non salutari (ad esempio, scarsa qualità della dieta, mancata attività fisica, fumo) e riducendo i livelli di colesterolo e della pressione
Bibliografia:
  1. ESC/EAS Guidelines for the Management of Dyslipidaemias 2016. European Heart Journal (http://www.amge.it/wp/wp-content/uploads/2016/09/eurheartj.ehw272.full_.pdf ).
  2. Kopin L, Lowenstein C. Dyslipidemia. Ann Intern Med. 2017 Dec 5; 167(11): ITC81-ITC96.
  3. Reiner Z, et al. ESC/EAS Guidelines for the management of dyslipidaemias. European Heart Journal (2011) 32, 1769–1818.